Basta morti sul lavoro

basta morti sul lavoro

15 maggio 2013

Domenica 12 maggio è morto nella stazione di Napoli centrale Francesco Zampella manovratore di 54 anni schiacciato fra due vagoni mentre effettuava una manovra nella platea di lavaggio.
Assistiamo, ancora una volta, alle solite ipocrite lacrime di coccodrillo che non mettono in discussione le ragioni di questi omicidi ma che al contrario finiscono per attribuirli alla fatalità del caso.
Noi non ci stiamo!
Denunciamo come l’aumento di queste morti non casualmente coincida con:
• L’arretramento dei diritti dei lavoratori in generale e l’aumento della
precarietà;
• L’avanzamento del processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario che
vede nella sicurezza un ostacolo: si è passati dalla sicurezza assoluta a quella
probabilistica;
• L’incremento della produttività, i tagli ai posti di lavoro, l’aumento dell’orario
settimanale: la manovra è passata da 34 a 38 ore settimanali.  Continua a leggere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Volantini e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...