Guariniello, un pool per i treni: “Macchinista unico, si rischia”

Raffaele-Guariniello-260x300Sono circa dieci i casi negli ultimi anni in Piemonte in cui il conducente è stato colto da malore, per fortuna senza conseguenze tragiche. Guariniello ha coinvolto le Asl del torinese che hanno prescritto alle compagnie ferroviarie di predisporre misure di sicurezza idonee
Il sostituto procuratore Raffaele Guariniello ha formato un pool – che sarà lui a coordinare – sulla sicurezza dei treni, in particolare di quelli che hanno un solo macchinista a bordo e che percorrono tratte locali. In caso di malore del conducente infatti – si è chiesto il magistrato – “chi prende il suo posto tutelando la sua incolumità e quella di tutti i viaggiatori?” Sono circa dieci i casi accaduti negli ultimi anni in Piemonte in cui il macchinista è stato colto da malore, per fortuna senza conseguenze tragiche. Guariniello ha coinvolto le Asl del torinese che hanno prescritto agli amministratori delegati delle compagnie ferroviarie, non solo Trenitalia ma anche due aziende locali, di affrontare i rischi dei treni a conduzione unica in particolare predisponendo misure di sicurezza idonee a prevenire incidenti causati dalla mancanza di un “copilota”. Le tre società che operano sui binari nel Torinese dovranno ottemperare entro 90 giorni.
In particolare, da quanto accertato, in caso di malore in galleria dovrebbe intervenire una locomotiva ad hoc per trainare fuori il treno. Operazione per la quale, stando alle simulazioni, si impiegano circa 20 minuti: un tempo giudicato eccessivo per il soccorso di malori gravi. Gli accertamenti sono partiti dopo alcuni esposti arrivati in Procura.
Sul tema la magistratura si è già mossa: nell’ottobre scorso l’amministratore delegato di Trenitalia, Vincenzo Soprano, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Roma. L’ accusa è di aver violato alcune norme di sicurezza sul lavoro mettendo a rischio l’ incolumità dei viaggiatori e il trasporto su rotaia.L’ inchiesta è incentrata sul “macchinista unico”, ossia sulla presenza di un solo uomo ai comandi dei convogli, e coinvolge anche altri funzionari dell’ azienda. Il pm titolare del fascicolo, Pietro Pollidori, ha già inviato a Soprano un invito a comparire e non è escluso che entro la fine della
settimana il manager possa essere interrogato. Le contestazioni non sarebbero comunque legate a un evento specifico, ma a un “pericolo” generale.

La Repubblica, Torino, 3 febbraio 2014.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...