Codice etico dei sindacalisti

Esiste una costante nel mondo ferroviario, il percorso lavorativo di chi svolge attività sindacale, è destinato a mutare geneticamente, al punto che in corso d’opera si passa, dall’essere impegnati a rappresentare gli interessi dei lavoratori, al diventare parte organica di quella dirigenza aziendale che si sarebbe dovuto contrastare. Del resto il gruppo FSI rappresenta in maniera inequivocabile questo assioma, basti pensare alla figura del suo amministratore delegato Mauro Moretti che dopo una folgorante carriera nella Filt Cgil, è diventato colui che sta determinando, nelle vesti datoriali, le sorti dell’intero gruppo. Ovviamente la ricollocazione “aldilà della barricata” e commisurata allo spessore dei soggetti interessati e alle esigenze aziendali. Su questi presupposti non si può sviluppare una attività sindacale credibile, occorre quindi porre le basi per smantellare questo meccanismo perverso. Per questo proponiamo un codice etico che chi svolge attività sindacale nel mondo ferroviario dovrebbe sottoscrivere, per poter gettare le basi di una nuova stagione sindacale che sappia onorare la sua funzione.
Il sindacalaio non risponde a niente e nessuno, la sua legittimazione è data dalla firma di
contratti scritti sotto dettatura aziendale, i cui effetti non ricadranno mai sulle sue spalle. Fondato è il sospetto che la sottoscrizione degli accordi sia la condizione per il mantenimento dei propri privilegi. Dal momento del suo distacco difficilmente lo rivediamo al lavoro; se trombato viene piazzato in qualche commissione paritetica (Eurofer) o finisce al dlf; se torna al lavoro – caso più unico che raro – per i servizi resi all’azienda, cambia profilo o passa direttamente a staff presso qualche dirigente. Agli attivisti, che difendono a spada tratta qualsiasi porcata sottoscritta, vengono elargite AG-caramelle per tenerli buoni e se ubbidienti possono aspirare alla carriera che può essere indifferentemente aziendale o sindacale: l’importante è imboscarsi! Tutto questo determina l’esistenza di una vera e propria casta sindacale che serve unicamente ad addormentare il conflitto e a seminare rassegnazione tra i lavoratori. Un malcostume che bisogna spazzare via perchè è sempre
più necessario un vero e proprio “tsunami sindacale” per liberarsi di questa casta collusa con l’azienda.

PER QUESTO PROPONIAMO UN CODICE ETICO PER TUTTI COLORO CHE
SVOLGONO ATTIVITA’ SINDACALE.

Sei punti, per ridare dignità al SINDACATO e che spazzino via una burocrazia che non ha alcun rapporto col mondo del lavoro e non ha quindi alcuna idea, di come e a che condizioni si lavori oggi in ferrovia.
1. Chi firma accordi o contratti, torna al lavoro nel profilo professionale di appartenenza, per tutta la vigenza contrattuale!!!
2. Creazione di un “PERMESSOMETRO” per garantire la trasparenza nell’uso dei permessi sindacali.
3. Inibizione ai percorsi di carriera per delegati RSU ed attivisti sindacali, durante il mandato e per i 5 anni successivi!!!
4. Diretta streaming di tutte le trattative!!!
5. Costruzione democratica delle piattaforme, con assemblee e referendum prima e dopo la firma di accordi e contratti!!!
6. rinnovo delle RSU con liste aperte a tutti i lavoratori senza restrizioni. Che siano i lavoratori a scegliere i propri DELEGATI !!!

Annunci

Una risposta a Codice etico dei sindacalisti

  1. Daniela ha detto:

    .nel mio compartimento carriere a tessera e movimenti sempre a tessera senza nessun criterio di legalità …e/o correttezza … ero un attivista della filt-cgil fino a pochi anni fa ho buttato tessera e incarichi per la nausea data dallo schifo ma oggi, hanno superato il limite con i trasferimenti creati ad ok per diversi protetti e danni sei per me e anche per altri colleghi, uno in particolare danneggiato più volte…. che schifo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...