Le mani sul territorio

Pubblichiamo la prima parte di un’analisi del decreto Sblocca Italia dedicata all’alta velocità. Le prossime puntate su: http://illavorodebilita.wordpress.com.

di Alexik

autostradeDalle trivelle agli inceneritori, dall’alta velocità agli aereoporti fantasma … c’è di tutto nel potpourri del decreto “Sblocca Italia” (qui il testo) appena licenziato dal Parlamento. C’è la potenziale militarizzazione dei gasdotti di importazione di gas dall’estero (TAP?), dei terminali di rigassificazione e relative opere connesse che rivestono, da oggi, carattere di interesse strategico. Ci sono i costi di manutenzione degli alloggi del Progetto CASE (quelli dove crollano i balconi) da accollare ai terremotati dell’Aquila. Ovviamente non mancano tanto tanto asfalto e tanto tanto cemento. Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Dal presidio di Firenze: intervista a Riccardo Antonini

Antonini2

Lunedì 13 ottobre si è tenuto sotto il Palazzo di Giustizia di Firenze, il presidio per protestare contro la sentenza che conferma il licenziamento di Riccardo, contro l’impunità per i manager di Stato, per la sicurezza in ferrovia e il diritto si espressione.

Ascolta l’intervista a Riccardo Antonini.

Pubblicato in Corrispondenze | Contrassegnato | Lascia un commento

Frana sul frecciabianca a Fegino: fotogallery

 

Giudicate voi:

Sopra: il cantiere per il terzo valico. Sotto. Il freccia bianca deragliato

Sopra: il cantiere per il terzo valico.
Sotto. Il freccia bianca deragliato

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Pubblicato in Fotogallery | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Ferrovie, l’ultima privatizzazione possibile

da Contropiano

Ferrovie in venditaRitorniamo a parlare di privatizzazioni, dato che “la Repubblica” del 25 settembre u.s. riporta la notizia di una riunione al ministero dell’economia per mettere in moto la privatizzazione del gruppo FS. Insieme ai vertici delle ferrovie ed al ministro Padoan erano presenti anche banche ed advisor chiamati a suggerire il percorso finanziariamente più conveniente tra tre ipotesi: la prima è la quotazione in borsa di una quota della holding soluzione preferita da Elia l’attuale a.d. succeduto a Moretti; la seconda prevede la cessione dei servizi più remunerativi (le frecce); ultima ipotesi è lo scorporo dal gruppo della sola RFI (società che gestisce la rete infrastrutturale) che rimarrebbe di proprietà statale per poi procedere alla cessione dei singoli restanti asset come il servizio AV (le frecce), il servizio passeggeri (nazionale e regionale) o il servizio merci oppure l’intera società Trenitalia. Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato | Lascia un commento

Riapre il processo per la strage di Viareggio

Dopo la pausa estiva, dopo oltre 2 mesi, il prossimo mercoledì 1° ottobre alle ore 09.30, riprendono le udienze del processo c/o il Polo fieristico (ex Bertolli) a Lucca.

Riprende così, un doloroso cammino che dobbiamo assolutamente percorrere affinché 32 persone non siano morte invano. Abbiamo bisogno di tanti e tante, del vostro concreto aiuto perché la nostra voce sia più forte per rivendicare e pretendere VERITA’, GIUSTIZIA E SICUREZZA.

Per questo chiediamo a chi è sensibile a questa battaglia e a chi è disponibile il 1° ottobre di essere insieme a noi, ognuno con il proprio corpo, la propria mente, il proprio striscione di appartenenza, la propria fascia istituzionale per dare forza, per sostenere, per un gesto d’affetto, per farci capire che non siamo stati dimenticati, per comunicarci che ci siete e che ci sarete ancora …

Il nostro appello è rivolto anche a tutte le persone che hanno a cuore la sicurezza nei luoghi di lavoro, perché quanto avvenuto quel maledetto 29 giugno 2009 non è stato uno “spiacevolissimo episodio”, ma un tragico incidente sul lavoro, trasformatosi in disastro ferroviario che ha provocato 32 Vittime che stavano riposando nelle proprie abitazioni.

p. l’Associazione “Il Mondo che vorrei”

Daniela Rombi

Pubblicato in Appuntamenti | Contrassegnato , | Lascia un commento

Solidarietà con Sandro Giuliani: presidio il 17 settembre

Sandro Giulinani solidarietàL’udienza di appello per il reintegro di Sandro Giuliani, prevista per il 5 febbraio e rinviata in quanto ai giudici non erano stati consegnati in tempo i fascicoli, si svolgerà Mercoledì 17 Settembre alle ore 12 presso la corte d’appello a Piazzale Clodio.

E’ importante essere presenti non solo per far sentire la nostra solidarietà a Sandro, ma anche per riaffermare l’impegno di noi ferrovieri per la sicurezza e contro i licenziamenti di chi si batte per la sicurezza di tutti. Continua a leggere

Pubblicato in Appuntamenti, Resistenze quotidiane | Contrassegnato | Lascia un commento

BASTA MORTI IN FERROVIA

Basta morti sul lavoroBASTA MORTI IN FERROVIA. Bologna 13 settembre via S. Carlo 42 ore 10.30

Le morti in ferrovia sono oramai oggetto dell’attenzione di tutti coloro che in questi anni hanno individuato la centralità della sicurezza sul lavoro, ma questo non è di per se sufficiente a scalfire quella densa coltre che continua a mietere, indisturbata, le proprie vittime.
Come molti spesso non indugiano a citarlo, dal 2007 assistiamo ad una media di almeno un morto ogni due mesi, manutentori, manovratori, ditte, tutti lavoratori che in comune hanno il fatto di lavorare in mezzo ai binari e che sanciscono due aspetti che non sembrano voler essere messi in discussione. Così se l’accettazione, magari involontaria, di una ritualità nelle reazioni a questo fenomeno non produce nulla di buono, è soprattutto la totale assenza di una reazione da parte dei lavoratori colpiti in prima persona che evidenza la complessità nell’affrontare questa materia. Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Galleria di Monte Adone: ferrovieri o scimmie a passeggio ?

Scimmietta e organettoCi risiamo, abbiamo più volte fatto notare come quest’azienda si senta svincolata dal rispetto di qualsiasi regola che le possa ostacolare il passo.
La convinzione di poter gestire a proprio piacimento della vita dei lavoratori, decidendo per loro di tutto e di più, è una pulsione che sta vedendo la dirigenza sempre più attiva e con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti.
Così se l’azienda si sveglia una mattina e decide che le scimmiette devono ballare, ecco che ordina aspettandosi un riscontro sottomesso e senza ostacoli.
Così quando abbiamo obiettato sulla legittimità di un turno in terza non concordato, in occasione dei “lavori di ricostruzione dell’arco rovescio in galleria di Monte Adone”, i gesti di stizza non sono mancati. Continua a leggere

Pubblicato in Resistenze quotidiane | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il 17 luglio RFI ha fatto nuovamente “STRIKE”

StrikeTravolti da un treno nel Nisseno, sulla linea che da Licata porta a Gela, Vincenzo Riccobono, 54 anni, di Agrigento, Antonio La Porta, 55 anni, di Porto Empedocle (Ag), Luigi Gazziano, 57 anni, di Aragona (Ag), son gli ultimi 3 ferrovieri di RFI che hanno pagato con la vita il privilegio di lavorare nelle ferrovie più sicure del mondo.
Il copione è collaudato, cordoglio per le vittime, come negarlo, occultamento dei fatti e con un po’ di fortuna si scaricherà ai colleghi morti pure la colpa di ciò che è accaduto. Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Per il reintegro di Riccardo Antonini: presidio il 17 luglio

Antonini 1Presidio di solidarietà e sostegno dalle ore 10.00 alle ore 14.00 ad un cittadino-lavoratore, un ferroviere, modello di correttezza, impegno civile e coraggio, ingiustamente licenziato.

APPUNTAMENTO PRESSO IL PALAZZO DI GIUSTIZIA DI FIRENZE, VIA GUIDONI, 16

Roma, 10 luglio 2014 – Riccardo Antonini, ferroviere, tecnico di RFI Spa, che vive Viareggio e che lavorava proprio in stazione, è stato licenziato il 7 novembre 2011, per aver accettato di svolgere gratuitamente il ruolo di consulente tecnico ad  alcuni familiari di una delle vittime della strage ed al suo sindacato, la Filt-Cgil, nel corso delle  indagini per l’incidente probatorio sulla strage ferroviaria del 29 giugno 2009 che causò 32 morti. Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

E’ nato Cobas Ferrovieri Magazine

strillone-350x300Come ferrovieri di RFI in Emilia Romagna, dopo aver preso atto dell’inadeguatezza del USB come progetto capace di unificare la categoria, restiamo convinti che l’unificazione del mondo del lavoro debba essere un obiettivo primario e che questo non possa prescindere da una ricomposizione dei ferrovieri nel loro insieme. Continua a leggere

Pubblicato in Cobas Ferrovieri Magazine | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Ancora un morto in ferrovia

Stazione TerminiRoma, 20 giugno 2014 – Tragedia alla stazione Termini. Un altro operaio muore sul lavoro, folgorato mentre lavorava ad un quadro elettrico in un locale di servizio della Stazione Termini.

L’incidente mortale è avvenuto attorno alle 15 e sul decesso la Procura  di Roma ha aperto un’inchiesta e disposto l’autopsia sul corpo dell’uomo per accertare le esatte cause della morte. L’operaio, E.S. 42 anni residente a Latina, lavorava per una ditta che operava per conto della RFI. E anche RFI ha avviato un’inchiesta per accertare la dinamica dell’incidente e verificarne le cause.

La vittima lavorava per la ditta Sysco, specializzata in impianti informativi visivi e sonori, e l’operaio infatti stava lavorando ad quadro elettrico per le attività programmate di installazione di un una struttura informativa.

 

Pubblicato in Notizie | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

La protesta contro la nomina di Elia

Il 29 maggio  numerosi familiari delle Vittime della strage di Viareggio, sostenuti da una cinquantina di persone solidali, sono andati alla stazione  improvvisando una protesta immediata e spontanea contro la inqualificabile e provocatoria nomina di Michele Elia come AD delle Ferrovie dello Stato.  I familiari delle Vittime sono scesi sui binari con striscioni e foto e per un quarto d’ora hanno bloccato un treno proveniente da Milano e diretto a Siracusa.

Pubblicato in Video | Contrassegnato , | Lascia un commento

Elia, sostituisce Moretti al vertice delle ferrovie

Un solo grido: vergogna!

Ieri 29 maggio, ad un mese esatto dal 5° anniversario della strage ferroviaria di Viareggio, l’Ad di Rete ferroviaria italiana (Rfi), Michele Elia, è stato nominato Ad di Ferrovie dello Stato italiane (FSi). Dopo Moretti, anche Elia ha la sua promozione. Prima di passare a Finmeccanica, Moretti aveva caldeggiato la candidatura di Elia e preteso questa nomina come suo sostituto. Dopo un mese e 4 sedute senza esito, alla quinta Moretti è stato accontentato. Il governo Renzi, prima ha promosso Moretti con uno stipendio superiore a quello di FSi, poi ha ceduto alla richiesta di nominare Elia. Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La querela di Moretti contro Riccardo Antonini: ARCHIVIATA!

Antonini9 settembre 2011: il Partito democratico organizzò a Genova, alla Festa nazionale sui trasporti, un dibattito con Moretti. I familiari delle Vittime della strage ferroviaria di Viareggio chiesero al responsabile dell’iniziativa di annullare l’invito. A Moretti non si può rinunciare… rispose. Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Familiari delle vittime di Viareggio: lettera aperta a Susanna Camusso

Viareggio protestaL’Associazione “IL MONDO CHE VORREI ONLUS” preso atto della scelta della CGIL nazionale di invitare alle “Giornate di lavoro” preparatorie al Congresso Nazionale di Rimini il principale imputato nel processo per la strage di 32 persone, l’ex A.D. di FS, oggi A.D. di Finmeccanica, cav. MAURO MORETTI e di non tenere in nessuna considerazioni i familiari delle vittime della strage di Viareggio che avevano fatto regolare richiesta di partecipare e intervenire al Congresso.

INVITA la CGIL NAZIONALE A RINUNCIARE  alla costituzione di parte civile nel processo della strage ferroviaria avvenuta il 29 Giugno 2009 a Viareggio. Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Archiviata la denuncia contro Antonini

Il Giudice per le indagini preliminari (Gip) ha accolto la richiesta di archiviazione del Pubblico ministero (Pm), pronunciata a suo tempo, disponendo l’archiviazione del procedimento a carico di Antonini Riccardo. Di fronte alla richiesta di archiviazione del Pm, l’avvocato di Moretti, Ricci, aveva presentato opposizione.

Il Gip, con ordinanza di archiviazione depositata il 2 maggio 2014, ha scritto che : ” … non si verificarono significativi episodi di violenza … e … nell’occasione non vi fu alcuna ingiuria o minaccia da parte di Antonini verso Moretti“.

Pertanto appare infondata la denuncia querela sia sotto il profilo dell’inesistenza degli elementi costitutivi del reato di violenza privata … sia sotto il profilo del reato di diffamazione, atteso che nessuno ha ascoltate le ingiurie pronunciate all’indirizzo di Moretti da parte dell’indagato … riportati in querela“.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Strage di Viareggio: il Congresso CGIL comincia male e continua peggio

XVII Congresso CGILAncora prima di iniziare, le premesse per il XVII Congresso della CGIL erano già pessime. Fra gli ospiti delle “Giornate del lavoro” – la tre giorni di dibattito che aveva preceduto l’inizio del congresso vero e proprio –  avevano sfilato in passerella Maurizio LupiGiuliano Poletti, e (dulcis in fundo) Mauro Moretti.

Tre personcine ammodo: il primo artefice del decreto che taglia le utenze a chi occupa una casa, il secondo padrino del Jobs Act, il provvedimento che ratificherà il precariato a vita, e il terzo imputato per la strage alla stazione ferroviaria di Viareggio, e dunque promosso dai vertici del gruppo FS a quelli di Finmeccanica. Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento